Passaparola: Con il gioco d’azzardo lo Stato ti droga, di Marco Dotti

IL GIOCO D’AZZARDO COLPISCE TUTTE LE FASCE D’ETA’

GABRIELE CERVI RESPONSABILE DEL BLOG SOCIALE SENZA SCOPO DI LUCRO E DEL GRUPPO SU FACEBOOK NO SLOT. IL GRUPPO E’ AUTIFINANZAITO DA GABRIELE CERVI

 

Oggi in Italia il giro d’affari legato al gioco d’azzardo legale di Stato e indotto dallo Stato si aggira sugli 84,5 miliardi di Euro, di fatturato, metà di questi 84 e passa miliardi di Euro, sono generati da macchine, slot machine, videolottery quello che viene definito il machine gambling in Italia è il problema cruciale per quanto riguarda il gioco d’azzardo. Quando entrate in un bar, in una tabaccheria, in un locale vedete uomini e donne spiegate su una macchina, si parla di quasi 2/3 della popolazione italiana, dovete capire che non sono solo uomini e donne piegati su un macchina ma sono i terminali di un circuito di predazione finanziaria che ha la sua testa nello Stato e il suo cuore in società offshore. Marco Dotti, giornalista esperto di patologie legate al gioco d’azzardo

Come ha dimostrato una ricercatrice, il gioco d’azzardo di massa, tramite macchine, è pensato e organizzato da algoritmi per costruire una dipendenza. La macchina è progettata per mettere a profitto questo inganno, lo Stato questo lo sa benissimo.
Lo scopo di queste macchine che ipocritamente lo Stato qualifica come giochi di abilità è quello di produrre dipendenti di massa. E’ impossibile giocare responsabilmente davanti a una slot, produrre la dipendenza è lo scopo primario di questo business, le slot machine sono esattamente questo e si presentano alla portata di tutti, a accesso immediato, però fortemente pericoloso.

Droga di Stato
E’ una droga di Stato. Lo Stato la produce, lo Stato la induce attraverso la pubblicità, lo Stato la deduce dalle proprie responsabilità etiche, sociali e civili, ma c’è anche un altro punto: lo Stato la appalta a privati. Questo è un meccanismo perverso perché lo stesso Stato poi si perora di voler curare le patologie, di investire nella prevenzione, stiamo assistendo in questo caso a un’alleanza perversa tra business privato, business di Stato e business della riabilitazione che è un vero e proprio meccanismo di prelazione finanziaria. Gli interessi in gioco in questo settore sono tantissimi, sono molti per lo Stato che ci guadagna sugli 8 miliardi di Euro di entrate fiscali l’anno ma ne ha spese più di due per incassarlo. Sono ancora di più per le corporation, le multinazionali spesso con sedi offshore che prendono le concessioni dallo Stato per gestire questo enorme business.

Un business ipocrita
Un business che ovviamente con la foglia di fico del gioco responsabile vorrebbe scaricare tutte le colpe dei propri disvalori sul giocatore, dicendo: alla fine hai sbagliato tu, ti sei ingannato davanti a quella macchina, la patologia è parte del problema ma il problema è molto più grande, non si possono indurre dipendenze di massa e questa dipendenza ha una finalità precisa, più si è dipendenti dal gioco d’azzardo, più la prelazione finanziaria che non può entrare dalla porta dell’usura, della speculazione bancaria o finanziaria strettamente detta entra dalla finestra del gioco d’azzardo diffuso, chi fa business in questo settore e anche lo Stato sono ben disposti a sacrificare o a lasciare per strada magari in qualche casa di cura, a carico di qualche cooperativa finanziata dagli stessi che producono il problema, quei pochi o tanti che si ammalano in forma conclamata. Mai come in questo caso dobbiamo dire che lo Stato ti droga, soprattutto una droga legale di questo tipo, diffusa massivamente, si parla di 428 mila slot machine, diffuse su tutto il territorio italiano, sono un numero senza precedenti in tutto l’occidente democratico.

Come funziona la truffa del gioco d’azzardo
In Italia in sistema del gioco d’azzardo è dato in concessione a privati, che progettano, sviluppano, studiano, finanziano software e per le macchinette, algoritmi programmati per far perdere il giocatore e per attrarlo continuamente verso di sé attraverso un doppio meccanismo di piccole vincite e grandi perdite.
Dal 2012 le slot machine che vediamo nei bar hanno anche una verse online, grazie al governo Monti che legalizzò i cosiddetti casinò games roulette e slot online, c’è anche stata un allarme da questo punto di vista delle autorità internazionali, perfino dall’Fbi sul nesso pericolosissimo tra movimenti di denaro, gioco d’azzardo online e possibilità di finanziamento di attività illecite e terroristiche. Con una slot machine da bar, con un Euro la partita dura 4 secondi. Mettiamo il caso che una macchinetta incassi 100 mila Euro, per legge ne dovrà “restituire” al giocatore 70 mila, quindi formalmente dal punto di vista della contabilità incasserà 30 mila Euro. Noi sappiamo che in realtà quei 70 mila Euro, “restituiti” al giocatore, vengono continuamente reinvestiti. C’è quindi una percentuale discretamente alta di quello che però tecnicamente si chiama il cash out, molto più bassa però di quello che è previsto per le slot machine da casinò che restituiscono anche il 92/93%, quindi non c’è assolutamente una convenienza per il giocatore, c’è una certezza di perdita, cosa ha rotto, spezzato non solo il patto di omertà ma il legame perverso tra istituzioni e mondo dell’azzardo?

La denuncia del sistema
L’attivismo dei cittadini e di molti sindaci che hanno capito che qualcosa sui territori non funzionava, è tornata la micro-usura, cresce il disagio, interi quartieri si sono trasformati in zone periferiche di microbische, i sindaci hanno posto all’attenzione delle autorità centrali un problema di ordine e salute pubblica e soprattutto i cittadini hanno chiesto il rispetto della Costituzione non si può garantire una presunta libertà di impresa se questa libertà di impresa contravviene a un principio fondamentale, contrasta e intacca la dignità, la libertà e la responsabilità vera delle persone, noi dobbiamo in tutti i modi evitare che questo privatissimo business che in parte, in gran parte è un business anche di Stato ricada ancora una volta sulle spalle dei cittadini, passate parola!

ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO:https://www.facebook.com/groups/169949870139006/

PASSA PAROLA UNITI SI VINCE.. PER SAPERNE DI PIU’ ENTRA NEL NOSTRO BLOG SOCIALE SENZA SCOPO DI LUCRO: http://cristo.myblog.it/2016/12/01/dal-quotidiano-la-provincia-cremona-le-slot-cancro-lettera-papa-francesco-renzi-vescovo-Antonio-diocesi-cremona/ Il gruppo NO SLOT è nato per contrastare il fenomeno allarmante del gioc…o d’azzardo. Fenomeno che ha creato e sta creando disgregazione familiare, sociale e impoverimento umano. Nel gruppo tutti gli aderenti possono scrivere e dire la propria opinione, senza però offendere o prevaricare le ulteriori informazioni. L’obiettivo del gruppo è quello di fare chiudere le slot nel nostro bel paese.. LE PAROLE DEL NOSTRO VESCOVO ANTONIO NAPOLIONI: lo Stato mostra la sua incoerenza.
Continuiamo anche a lavorare localmente per ridurre i danni, prevenire, cambiare

 

La Cascinetta Didattica Onlus di Castelverde Laboratori Sociali Presidente Gabriele Cervi Diplomato in Dirigente di Comunità e Attività Sociali. info: cervi.gabriele@libero.it .cell.3391461161 NOI CI AUTOFINANZIAMO SE CI VOLETE AIUTARE….

 

DAL QUOTIDIANO LA PROVINCIA DI CREMONA: L’ASSOCIAZIONE LA CASCINETTA DIDATTICA LOTTA CONTRO LE LUDOPATIE.. GIOCO D’AZZARDO SLOT

DAL QUOTIDIANO LA PROVINCIA DI CREMONA: L’ASSOCIAZIONE LA CASCINETTA DIDATTICA LOTTA CONTRO LE LUDOPATIE.. GIOCO D’AZZARDO SLOT

Il gruppo NO SLOT è nato per contrastare il fenomeno allarmante del gioco d’azzardo. Fenomeno che ha creato e sta creando disgregazione familiare, sociale e impoverimento umano. Nel gruppo tutti gli aderenti possono scrivere e dire la propria opinione, senza però offendere o prevaricare le ulteriori informazioni. L’obiettivo del gruppo è quello di fare chiudere le slot nel nostro bel paese.. LE PAROLE DEL NOSTRO VESCOVO ANTONIO NAPOLIONI: lo Stato mostra la sua incoerenza.
Continuiamo anche a lavorare localmente per ridurre i danni, prevenire, cambiare

PASSA PAROLA UNITI SI VINCE.. PER SAPERNE DI PIU’ ENTRA NEL NOSTRO BLOG SOCIALE SENZA SCOPO DI LUCRO: http://cristo.myblog.it/…/dal-quotidiano-la-provincia-crem…/ Il
RESPONSABILE DEL GRUPPO : GABRIELE CERVI. IL GRUPPO E’ AUTOFINANZIATO DA GABRIELE CERVI.

shinystat.cgi?USER=cervigabriele

L'immagine può contenere: 1 persona

L’appello. Bagnasco: lo Stato lucra sul cancro del gioco d’azzardo


lunedì 2 gennaio 2017
A farne le spese le fasce più deboli della popolazione. Un sistema studiato per far perdere.

“Non possiamo tacere una stridente contraddizione pubblica: nonostante dichiarazioni – peraltro molto rare e languide – si sviluppa la piaga del gioco d’azzardo”. Così il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Cei, nel discorso pronunciato il 31 dicembre in occasione del Te Deum. “La pubblicità – ha aggiunto – è letteralmente invasiva, una vera violenza! L’affare azzardo rende più di 88 miliardi di euro all’anno: esso è stato studiato per far perdere, e produce povertà e malattia”.

In questo contesto, ha aggiunto Bagnasco, “lo Stato è venuto meno al suo dovere istituzionale di contenere questa nuova droga, che non conosce né età né condizione sociale. Non solo non contiene il cancro del gioco d’azzardo, ma lo favorisce, e lucra in modo tanto più vergognoso in quanto le vittime sono in maggioranza le fasce più deboli”.

Azzardo  FONTE QUOTIDIANO AVVENIRE DIGITA SULLE FOTO PER VEDERE L’ARTICOLO..DI AVVENIRE

Roma Azzardo, ok a norme antimafia

Antonio Maria Mira

La ricerca Gioca d’azzardo un italiano su due

Umberto Folena

Azzardo Lasciò il figlio in auto per andare a giocare, condannato a tre anni

Azzardo L’ex giocatore patologico: «Ero spietato, dimenticavo anche mio figlio»

Antonio Maria Mira

Ludopatia, parola errata e inadeguata. Vero, meglio usare «azzardopatia»

Azzardo Preso dal gioco dimentica il bimbo di 3 anni in auto: padre resta in cella

Antonio M. Mira

L’appello Bagnasco: lo Stato lucra sul cancro del gioco d’azzardo

I dati Azzardo, è nuovo record. Nel 2016 spesi 95 miliardi

Antonio Maria Mira

Azzardo Il Movimento no slot: fuori le multinazionali

Pino Ciociola

Il dossier Slot, Caritas Genova in campo

Adriano Torti

Azzardo Il ricercatore: «Colpire i colletti bianchi Ma l’Italia in Europa è avanti»

Diego Motta

Azzardo Maxi-inchiesta, arrestato ai Caraibi il re delle slot machine

Bari Azzardo, dagli studenti un nuovo regolamento

Antonio Rubino

Azzardo Giochi da record, boom di entrate per l’erario

L’allarme in Gran Bretagna L’azzardo punta sui minori: coinvolti 450mila «teenager»

Elisabetta del Soldato

Azzardo Il giocatore patologico? L’operaio di mezza età con figli

Antonio Maria Mira

Azzardo Passano gli ordini del giorno. «Ma serve intervento normativo»

Gianni Santamaria

La legge bloccata Azzardo, impedito il voto al divieto di pubblicità

Gianni Santamaria

Pubblicità e azzardo Liberate il Parlamento

Antonio Maria Mira

Azzardo «Mangi e bevi gratis se giochi alle slot»

Gioco patologico Le associazioni: «Azzardo, approvate subito l’emendamento anti spot»

Antonio Maria Mira

Azzardo Costi sociali del gioco, Milano s’interroga

Andrea D’Agostino

L’emendamento Pubblicità azzardo: un voto per fermarla

Antonio Maria Mira

Azzardo Intralot-Telethon, un accordo e molti dubbi

Umberto Folena

Codacons «Figc-Intralot, il contratto? Un mistero»

Umberto Folena

Lo sponsor contestato Calcio e azzardo, cresce il fronte anti-Intralot

Massimiliano Castellani

Calcio e azzardo La Germania con la Nazionale non passa mai, Intralot sempre

Massimiliano Castellani

Calcio e azzardo: si fermi Tavecchio Liberate l’azzurro

Marco Tarquinio

Attore ed ex calciatore Ubaldo Pantani: «L’azzardo in Nazionale? Non fa ridere»

Massimiliano Castellani

Azzardo Stop alle sale gioco nelle aree terremotate

Antonio Maria Mira

Calcio e slot Azzardo Nazionale, oggi sponsor in campo in fascia protetta

Massimiliano Castellani

Il vero bilancio L’azzardo abbassa i consumi. Arginarlo fa bene ai conti

di Maurizio Fiasco*

Azzurro vergogna Il filosofo Grion: «Azzardo e Nazionale? Così si umilia lo sport»

Andrea Lavazza

Azzardo Raggi promette: centro storico vietato alle slot machine

Azzardo Sindaci lombardi e Regione a Renzi: restino le limitazioni su orari e distanze

Davide Re e Marcello Palmieri

Azzardo Argini alle slot, si muove Roma. Al via delibera del M5S

Eugenio Fatigante

Azzardo In aumento in Lombardia le macchinette mangiasoldi

Vito Salinaro

Azzardo nazionale, la vergogna deve finire

Marco Tarquinio

Azzurro vergogna Tavecchio difende l’accordo con Intralot per la nazionale di calcio

Umberto Folena

Azzardo nazionale Tavecchio: «L’azzardo non è reato»

Nello Scavo

La lettera Azzardo nazionale, il mondo anti-usura si appella al presidente Tavecchio

Alberto D’Urso*

Azzardo Nazionale, lo sponsor precisa ciò che è già chiaro. E frena

Azzardo nazionale Azzardo e calcio, 18 giorni di dissenso

Umberto Folena

Intervista Al tavolo dell’azzardo il piatto forte è il calcio

Umberto Folena

Il caso «Basta campioni testimonial dell’azzardo»

MASSIMILIANO CASTELLANI

Azzardo nazionale Abete: noi rinunciammo ai soldi, ora Tavecchio cancelli lo sponsor

MASSIMILIANO CASTELLANI

Azzardo Gioco d’azzardo, l’Anci si mobilita

Paolo Viana

Azzurro vergogna Azzardo Nazionale, duello governo-M5S

Paolo Ferrario

Azzardo Gli affari d’oro dei club europei

Lorenzo Longhi

Azzurro vergogna Azzardo Nazionale. Pressing sulla Figc

Massimiliano Castellani

Calcio e azzardo Calcio e azzardo Nazionale,  si cerca una via d’uscita

Antonio Maria Mira

Calcio e azzardo Mondonico: «No a quello sponsor, mettiamoci tutti la faccia»

Massimiliano Castellani

Azzurro vergogna Sponsor della Nazionale ma deve 60 milioni al fisco

ANTONIO MARIA MIRA

Intervista Farina: «Basta con le scommesse sui dilettanti»

MASSIMILIANO CASTELLANI

Intervista Squinzi: «La Figc ha un ruolo educativo. Ma così lo svuota di significato»

Pier Augusto Stagi

Breve storia delle sponsorizzazioni, fino all’azzardato tracollo odierno I controllori del calcio senza più olfatto

Italo Cucci

Il direttore risponde Proibizionisti? Servono argini all’azzardo. E nessun riciclaggio

Marco Tarquinio

Azzardo nazionale L’azzardo sponsor della Nazionale Ora il governo valuta stop degli spot

Vincenzo Spagnolo

Il portierone Toldo: «Non mi piace la nazionale azzardata»

Massimiliano Castellani

Azzurro vergogna. Calcio e azzardo Cesena: stop agli Europei marcati azzardo. Azione cattolica e Agesc: grave errore, gesto diseducativo

L’ospite Frenare l’azzardo, un dovere di legge

Paola Binetti*

Lo sponsor della Nazionale di calcio Intralot, Gamenet, Trilantic: i big dell’azzardo tra slot e cliniche, dai Bush al petrolio

Nello Scavo

Azzurro vergogna. Calcio e azzardo Bosio (Csi): potremmo dire no ai soldi del Coni

Umberto Folena

I gesti senza azzardo di due campioni Lo sport che amiamo

Ferdinando Camon

Azzurro vergogna L’azzardo sponsor della Nazionale «Il no è possibile. Io l’ho detto»

VINCENZO R. SPAGNOLO

Calcio e azzardo Web mobilitato contro gli spot pro-azzardo

Il fatto Azzurro vergogna, diventa un caso lo sponsor della nazionale di calcio

Marco Tarquinio

Calcio e azzardo Calcio e azzardo, pioggia di critiche

Azzardo Viareggio, minacce alla barista no-slot

Antonio Maria Mira

Verona Oltre la patologie, guarire di azzardo si può

Alberto Margoni

La storia La scelta di Azzurra: «Nel mio bar via le slot machine, dentro i libri»

Antonio Maria Mira

Gli effetti negativi della bassa istruzione finanziaria Chi gioca d’azzardo perde senza saperlo

Leonardo Becchetti

Gioco d’azzardo Baretta conferma: via le slot dalle tabaccherie

Paolo Viana

Il caso Spot per l’azzardo, il rifugio fa retromarcia

MARCELLO PALMIERI

Ancona Ancona, guarire dall’azzardo in mezzo alle colline

MARCO BIROLINI

Roma L’azzardo on line è senza freni

Antonio Maria Mira

Azzardo Azzardo: la rivolta cresce, dai media solo silenzi

ANTONIO MARIA MIRA

Frenare l’azzardo si può e si deve, adesso Meno slot meno mafia

Antonio Maria Mira

Azzardo Bergamo, approvate le nuove regole anti-azzardo

Azzardo Bergamo chiude ai «Gratta e vinci»

MARCO BIROLINI

Azzardo Lo Stato latita, Regioni e Comuni “fai da te”

UMBERTO FOLENA

Firenze Azzardo, ancora silenzi sul divieto di spot

 

 

 

 

 

shinystat.cgi?USER=cervigabriele

 

Passaparola: Con il gioco d’azzardo lo Stato ti droga, di Marco Dottiultima modifica: 2016-12-04T09:02:27+00:00da xweci
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Running WordPress & Boot Store theme